Astimusica 2018: una grande giornata di musica con Il Volo. Stasera Mirkoeilcane, domani si chiude con la Krikka Reggae

Astimusica2018-Mirkoeilcane-Comunicato

Astimusica 2018: una grande giornata di musica con Il Volo. Stasera Mirkoeilcane, domani si chiude con la Krikka Reggae

Non solo un concerto, ma un grande evento che ha animato Asti portando in città la “Volomania”, quella che ieri ha visto protagonista Il Volo. Si è partiti, alle ore 18, presso la Sala degli Specchi di Palazzo Ottolenghi, con un breve incontro dei fan con i tre artisti, il loro manager Michele Torpedine ed il direttore artistico del festival Massimo Cotto.

Alle 21.30, di fronte a una Piazza Cattedrale gremita in ogni ordine di posti, il trio, accompagnato magistralmente dall’Orchestra Sinfonica di Asti diretta dal Maestro Massimo Rota, ha letteralmente incantato il pubblico, ricevendo lunghissime ovazioni. Sul palco i tre cantanti hanno esordito ricordando che il loro tour prevede cinque date in alcune delle città più belle d’Italia, sottolineando di aver scelto Asti proprio perché, avendola conosciuta grazie all’amico Massimo Cotto, la considerano una città bellissima.

Piero, Ignazio e Gianluca hanno proposto molti estratti del loro spettacolo “Notte Magica – A Tribute To The Three Tenors”, passando poi a rivisitare alcuni brani della storia della musica leggera italiana e concludendo con la canzone “Grande amore”, grazie alla quale si sono aggiudicati il Festival di Sanremo nel 2015, intrattenendo anche il pubblico tra un brano e l’altro con alcuni divertenti scambi di battute.

Molte le persone arrivate da fuori Asti per assistere al live, con diversi ingressi segnalati ai musei ai quali si poteva accedere gratuitamente grazie al biglietto del concerto (il Museo Alfieriano con l’adiacente Museo Guglielminetti, il Museo Paleontologico ed il Museo Lapidario – Cripta di Sant’Anastasio).

 

Stasera arriva Mirkoeilcane

E stasera il festival giunge al penultimo atto con il giovane cantautore Mirkoeilcane, che presenterà il suo recente album “Secondo me”. Dopo aver scritto testi e musiche per altri artisti, nel 2015 l’artista decide di intraprendere la carriera da solista e pubblica il suo primo ed omonimo album Mirkoeilcane. L’album ottiene il plauso della critica e diversi riconoscimenti, oltre ad essere tra i candidati al Premio Tenco. Nel 2017 ha composto la colonna sonora per il film “I peggiori” di Vincenzo Alfieri e vince la 28ª edizione di Musicultura con il brano Per fortuna. Oltre alla musica si cimenta con la scrittura: il cantautore ha infatti pubblicato un romanzo, disponibile in formato ebook su tutte le piattaforme online, intitolato “Whisky per favore”. Con il brano “Stiamo tutti bene” è riuscito a superare le selezioni di Sarà Sanremo, ottenendo il diritto di partecipare alla 68ª edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Nuove proposte”. Al termine della kermesse si classifica al secondo posto e vince il Premio della Critica Mia Martini. A febbraio 2018 esce inoltre il suo secondo album solista, “Secondo me”.

 

Domani la chiusura con i Krikka Reggae

Domani Astimusica giunge al termine con la musica dei Krikka Reggae, in una serata dedicata al ricordo di Oscar Carlo Sacco, noto agli astigiani come “Oscarino”, per molti anni una presenza caratteristica e simpatica di Astimusica con la propria immancabile bancarella di artigianato orientale e africano, in parte ispirato alla cultura «hippie». I Krikka Reggae sono un gruppo musicale italiano, proveniente da Bernalda (Matera). I loro testi sono dialettali, e trattano sia temi di grande attualità nazionale e internazionale, che temi di problematiche locali e meridionali. La spontaneità e l’attualità dei testi (lavoro precario, disoccupazione, guerra, abusi, emergenze ambientali, strategie mediatiche, migrazioni, ecc.), l’uso del dialetto bernaldese per promuovere e valorizzare le proprie radici, la personalità dei cantanti e la perizia dei musicisti sono le caratteristiche principali della Krikka, che presenta il reggae in tutte le sue evoluzioni, dal roots reggae allo stile dance hall, dal dub al rocksteady.

Da sottolineare anche la collaborazione tra Astimusica e la Fondazione Matera-Basilicata 2019. Non è infatti un caso che il primo e l’ultimo concerto del festival, quello dei Tarantolati di Tricarico e quello degli stessi Krikka Reggae, vedano protagoniste band lucane: questa iniziativa segna un “evento nell’evento”, che si inserisce nel percorso di avvicinamento a Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Nel 2018 con il supporto di

Media Partner

Partner

Ridimensiona caratteri
Contrasto